Minta Suzumaru è una degli autori più amati nel mondo dei boy’s love. In Italia è pubblicata dalla casa editrice Star Comics che, oltre al suo debutto, Cupid Shock, ha portato anche altre sue opere: Golden Sparkle, Non volevo innamorarmi e Il tesoro di Takara

Cupid Shock è il suo esordio e racconta la storia di Shingo, un ragazzo delle superiori conosciuto come “Cupido” della scuola perché passa le informazioni dei ragazzi che interessano alle compagne di scuola in cambio del pranzo. Un giorno delle ragazze gli chiedono informazioni sul Senpai Ao, in particolare sulla sua cicatrice e su come se l’è procurata. Shingo scopre il segreto di Ao e una cosa tira l’altra finché non si innamorano e inizia così il loro rapporto.

Cupid Shock: un rapporto classico GrumpyXSunshine

Cupid Shock è il classico boy’s love dove c’è una relazione tra compagni di scuola con una leggera differenza di età, che può piacere o meno. Inoltre, il manga si basa sul trope grumpyXsunshine (la presenza in una coppia di un personaggio solare, simpatico a tutti e di uno scorbutico che non si lascia avvicinare facilmente), molto frequente nei romance o nei fantasy. Shingo e Ao piacciono soprattutto per questo motivo, anche se si dichiarano molto in fretta, quasi istantaneamente, Il che può costituire un difetto, perdonabile in quanto la loro storia d’amore è sviluppata in un solo volume. 

Il seguito di Cupid Shock, infatti, (Cupid Shock Chase, disponibile col primo volume in una box) riguarda un terzo personaggio che scopre il segreto di Ao. Un volume più debole del primo, a causa dei numerosi drammi che si sviluppano e che fanno perdere la freschezza presente nell’opera originaria. 

Tratto piacevole, ma comune

Cupid Shock non è un manga che brilla per i disegni: non c’è un tratto che sia particolarmente riconoscibile, ma è comunque molto pulito e piacevole, Non è un brutto disegno, ma la valenza di questo manga sta nei personaggio e nel modo in cui si relazionano tra loro nell’affrontare le fobie. Shingo, scoperto il segreto di Ao, farà infatti tutto per stargli vicino e aiutarlo a superare il trauma. È commovente vedere la presenza di Shingo in questi momenti, il percepire l’avere qualcuno al fianco per non essere da soli. 

Minta riesce molto bene a trasmettere le emozioni dei suoi personaggi, regalando un’opera fresca e piacevole da leggere. Non brillerà per originalità, ma Cupid Shock permette di affrontare una lettura leggera e commovente, capace di arrivare al cuore del lettore.

Consigliatissimo, anche Golden Sparkle, più profondo e maturo. Insomma, leggete Minta e non ne potete a farne più a meno.